Centro Odontoiatrico Dott. Oreglia | Terapia non Chirurgica
18004
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-18004,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.3,vc_responsive
parodonto1
parodonto2
E’ operativa la nuova Sala Chirurgica.

La Terapia Causale non Chirurgica

La terapia parodontale è volta a prevenire la malattia, o nel caso sia presente, di arrestarne la progressione o ridurre l’insorgenza delle recidive.

La terapia causale non chirurgica è tesa da un lato alla rimozione dei microorganismi responsabili e dall’altro ad influenzare le variabili ambientali (igiene orale e fumo) e sistemiche (controllo del diabete) che costituiscono i fattori di rischio.

La rimozione dei microorganismi avviene attraverso il controllo della placca batterica. Essa è costituita da un biofilm che è l’insieme di varie specie batteriche unite tenacemente tra di loro

La placca che si calcifica è definita tartaro, che è un deposito mineralizzato fortemente adeso al dente che facilita l’ulteriore colonizzazione batterica.

Il paziente ha il compito di controllare la placca sopra-gengivale attraverso l’igiene orale domiciliare ben accurata. L’igienista dentale e l’odontoiatra devono istruire il paziente personalizzando le tecniche d’igiene da applicare, avvalendosi di sistemi di verifica e costanti rinforzi motivazionali durante le sedute d’igiene.

Devono inoltre effettuare un controllo sottogengivale della placca e del tartaro attraverso una terapia meccanica per eliminare i depositi presenti sulla superficie dentale.

Si utilizza una terapia combinata attraverso strumenti manuali (curette) e strumenti meccanici (sonici e ultrasonici) con le quali vengono rimossi i depositi duri e molli lasciando le superfici radicolari pulite e lisce.

La terapia ha come obiettivo finale la risoluzione, o quantomeno la riduzione del processo infiammatorio gengivale. Si avrà una riduzione del sanguinamento al sondaggio, della profondità di sondaggio (tasche) e nel miglioramento del livello di attacco clinico.

L’alleanza medico-paziente gioca un ruolo fondamentale, in quanto è dimostrato da una letteratura scientifica decennale, che solo attraverso un sinergico controllo di placca ambulatoriale e domiciliare possono essere ottenuti buoni risultati e mantenuti nel tempo.