Centro Odontoiatrico Dott. Oreglia | Cone Beam
18648
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-18648,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
tomografia computerizzata
studio arcate dentarie
slide-giano02
tecnologia cone bean
Tomografia Computerizzata CONE BEAM
Un miglior approfondimento diagnostico radiografico

CONE BEAM Tomografia Computerizzata CBCT

 

E’ una nuova tecnica di Tomografia Computerizzata CBCT dedicata allo studio del massiccio facciale, in particolare delle arcate dentarie nella valutazione e programmazione di interventi chirurgici e implantologici.

La tecnologia cone beam applicata al campo dentale ha dato il via a dei sistemi dedicati, avendo come risultato un’aumentata qualità dell’imaging con una notevole riduzione della dose di radiazioni data al paziente, tale da poterla usare anche nei bambini con particolari patologie.

Il sistema CBCT permette la creazione di immagini su tutti i piani nello spazio (assiale, coronale, sagittale, obliquo) o addirittura ricostruzioni seguendo una linea curva attraverso un processo denominato “Multi Planar Reconstruction” (MPR).

tomografia-computerizzata

La Cone Beam, a confronto delle TC più moderne, presenta dosi da 3 a 10 volte inferiori a parità di volume irradiato.

arcate-dentarie

L’utilizzo principale è nel campo dell’implantologia per valutare le caratteristiche morfo-strutturali, l’altezza e lo spessore dell’osso alveolare nelle sedi di interesse implantare.

Molto utile in chirurgia orale nella valutazione pre-operatoria di denti inclusi ed in particolare dei terzi molari (denti del giudizio) per definirne i rapporti con il canale del nervo mandibolare.

Lo possiamo usare, grazie alla bassa dose di esposizione, anche in endodonzia effettuando diagnosi in modo più rapido e preciso e raggiungere perciò risultati di maggior successo.

Consente, inoltre, di studiare le articolazioni temporo-mandibolari con un’ottima rappresentazione tridimensionale trovando applicazione anche in ortodonzia.

Con l’acquisizione tridimensionale (3D) è possibile ottenere informazioni e dettagli anatomici migliori rispetto a quello che si può ottenere da rappresentazioni bidimensionali (2D).