Centro Odontoiatrico Dott. Oreglia | Chirurgia Pre- Protesica
17068
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-17068,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.3,vc_responsive
chirurgia-02
chirurgia-04
chirurgia-03
Tomografia Computerizzata CONE BEAM
Un miglior approfondimento diagnostico radiografico

Ricostruzione ossea pre-implantare

La chirurgia pre-protesica è la branca della chirurgia oro-maxillo-facciale che affronta le problematiche relative alle atrofie, più o meno gravi, del mascellare superiore e/o della mandibola.

In pazienti affetti da questa patologia, è spesso impossibile l’applicazione di una protesi dentaria, proprio per la scarsa quantità di osso.

Le tecniche di chirurgia pre-protesiche permettono la ricostruzione delle ossa mascellari, sia in senso verticale che trasversale, cioè in altezza e spessore.

Rialzo del seno mascellare

Il rialzo del seno mascellare è una tecnica chirurgica avanzata.

La ricostruzione ossea del mascellare superiore rappresenta spesso una fase obbligatoria prima di procedere con un intervento riabilitativo implantare.

Il ricorso a procedure di innesto osseo diviene necessario al fine di ripristinare i volumi ossei sufficienti per una riabilitazione implanto-protesica.

Il seno mascellare è una cavità ossea situata a lato delle cavità nasali con le quali è in comunicazione diretta. Inferiormente questa cavità confina con le radici dei denti superiori posiriori. Quando verngono persi i denti l mancanza di questi induce un riassorbimento dell’osso che si traduce in una riduzione dello spessore della parete ossea che separa il seno e la cavità orale.In questi casi per poter comunque procedere all’inserimento di impianti è possibile eseguire un rialzo del seno mascellare inserendo a livello del seno stesso del nuovo osso capace di ricreare quella dimensione andata perduta nel tempo.

Dopo questo intervento si aspettano dai 5-8 mesi per l’inserimento degli impianti, dopo il periodo di osteointegrazione degli impianti circa 2-3 mesi si procede con la fase di protesizzazione sugli impianti. In alcuni casi e possibile posizionare gli impianti contestualmente al rialzo.

1. Riduzione ossea dopo la perdita dei denti

2. Rialzo del seno mascellare

3. Inserimento degli impianti e protesizzasione

Rigenerazione ossea guidata

La rigenerazione ossea guidata (GBR) è una tecnica chirurgica che permette, tramite l’utilizzo di materiale di riempimento e membrane (riassorbibili e non riassorbibili), la formazione di nuovo osso, per ricostruire una cresta alveolare atrofica, prima o in concomitanza dell’inserimento implantare, al fine di stabilizzare gli impianti e ricreare un aspetto estetico funzionale favorevole.

L’intervento consiste nel posizionare e stabilizzare una membrana, supportata da materiale da innesto, nella zona dove vogliamo rigenerare nuovo osso.

La membrana posizionata nella zona atrofica ha la funzione di stabilizzare il materiale da innesto in maniera tale che dopo 6-9 mesi, si trasformi in nuovo tessuto osseo, rendendo quindi possibile l’ottimale posizionamento e osteointegrazione degli impianti.

Prima

Dopo

L’innesto a blocco

L’innesto a blocco è una tecnica utilizzata per poter rigenerare l’osso riassorbito sia in altezza che in spessore nei vari settori del cavo orale.

L’intervento consiste nel posizionare blocchetti di osso ed innestarli nella zona dove dobbiamo incrementare la quantità di osso per poter inserire gli impianti. I blocchetti di osso verranno opportunamente fissati e modellati, così da favorire l’integrazione con le basi ossee preesistenti. Dopo 6 – 8 mesi, una volta incrementato lo spessore o l’altezza, sarà quindi possibile porocedere con l’inserimento corretto degli impianti.

Cresta alveolare atrofica

Prima della rigenerazione ossea

Fissaggio dell’innesto osseo

Recupero dello spessore anatomico dopo 6 mesi